Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Il nostro software localizzato in italiano

  • L'Astrologue Ita

    Nella sezione ILM Store puoi trovare L'Astrologue completamente localizzato in italiano, potrai calcolare temi natali, calcolare transiti e sinastrie. Ora gli utenti di Mac OS X possono calcolare e disegnare un grafico in meno di mezzo secondo...

  • Live Interior 3D Pro Ita

    Nella sezione ILM Store puoi trovare Live Interior 3D Pro, una potente e molto intuitiva applicazione per la progettazione d'interni completamente localizzata in italiano.

  • Merlin Ita

    Nella sezione ILM Store puoi trovare Merlin, l'unica soluzione nativa per la gestore dei progetti basata sulla collaborazione in network per Mac OS X, ora completamente localizzato in italiano.

  • OsiriX Ita

    Nella sezione Download di ILM potrai scaricare gratuitamente OsiriX un grande software che combina l'Open Source con le tecnologie chiave di Apple. La ricerca per il trattamento delle immagini medicali ora è in italiano...

  • ProTa Gold Ita

    Nella sezione ILM Store puoi trovare ProTa Gold, grazie al quale potrai avere l'analisi del mondo della borsa sul desktop. Grafici, analisi tecnica e di monitoraggio del portafoglio per il mercato azionario... ora in italiano.

  • GarageSale Ita

    Nella sezione ILM Store puoi trovare GarageSale localizzato in italiano, avrai così a disposizione un applicazione client per il sistema di aste online eBay. Esso consente agli utenti di Mac OS X di creare rapidamente aste utilizzando il Mac...

Login

Sezione Astrologia

Ultimi 5 utenti registrati

  • mino-63
  • mraimondi3
  • gabribacci
  • enzo2204
  • hairstyle

Info sul Sistema

OS
Linux s
PHP
5.4.34
MySQL
5.5.37-cll
Ora
05:28
Caching
Disabilitato
GZip
Disabilitato
Utenti registrati
6670
Articoli
3948
Web Links
6
Visite agli articoli
1828372

Chi è online - Contatore visite

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

07218738
Oggi
Ieri
Questa settimana
Ultima settimana
Questo mese
Ultimo mese
Tutti
969
1656
5344
53
969
5764
7218738

Il tuo IP: 54.234.74.85
Oggi: 01 Nov 2014

† 29/04/2009

Senza di lei non sarei nato

Suggerimenti su come impostare un hotspot Wi-Fi sul vostro iPhone e condividere la connessione dati con un Mac. È possibile condividere la connessione dati del vostro iPhone 3G (o 4G) con un computer Mac e navigare in internet su Mac in remoto. Questa caratteristica, conosciuta come fare un hotspot Wi-Fi, è un'ottima soluzione per lavorare in movimento: fare un hotspot iPhone Wi-Fi consente di utilizzare internet su un Mac senza dover trovare un posto pubblico con Wi-Fi o altri hotspot.

È facile trasformare il vostro iPhone in un hotspot Wi-Fi, ma si dovrebbe prima verificare con il proprio gestore di telefonia mobile (verificare i termini e le condizioni in linea). Alcune reti non vogliono trasformare l'iPhone in un hotspot Wi-Fi e chiedono di pagare un extra addebito (o limitare il vostro Internet se si dispone la creazione di un hotspot). Si dovrebbe anche fare attenzione a non superare la capacità del volume dei dati. Se avete una franchigia ridotta si dovrebbe usare l'hotspot Wi-Fi per un breve lasso di tempo.

Come fare un hotspot Wi-Fi iPhone: Un hotspot Wi-Fi trasforma l iPhone in un router Wi-Fi (come quello di casa). L'iPhone emette una connessione Wi-Fi a cui il vostro Mac può collegarsi. Il Mac si connette all'iPhone tramite Wi-Fi e l'iPhone si connette a Internet utilizzando la connessione dati cellulare 3G/4G. È una cosa intelligente ed un trucco da conoscere.

Ecco come fare un hotspot iPhone Wi-Fi:

- Toccate Impostazioni e Mobile.
- Toccate Personal Hotspot e impostare Personal Hotspot su On.
- Toccate Attiva Wi-Fi e Bluetooth.
- Toccate Wi-Fi Password e immettere una password adeguata (può essere qualsiasi password che si sceglie, non è legata al vostro ID Apple o alla solita connessione Wi-Fi).
- Ora controllate il nome del hotspot elencato sotto Connettersi utilizzando Wi-Fi (otteniamo "iPhone 5s").
- Fare clic su AirPort nella barra dei menu del Mac e scegliere l'hotspot Wi-Fi (iPhone 5s nel nostro caso).
- Inserire la password del punto 4.

Questo dovrebbe essere il tutto. Ora dovreste essere in grado di navigare in internet sul vostro Mac utilizzando la connessione fornita dal vostro iPhone.

Non esiste una versione ufficiale di WhatsApp per l'iPad, ma è facile e abbastanza semplice installarlo comunque. Ecco il consiglio offerto da Macworld.com.uk su come installare WhatsApp su un iPad.

WhatsApp Messenger è un'applicazione incredibilmente popolare per l'iPhone. Essa consente di inviare messaggi ai vostri amici o a gruppi di amici, tramite Wi-Fi o 3G, risparmiando così sulla bolletta del telefono (anche se si può comunque finire per pagare per i dati, se si va oltre il limite!). Il punto è che l'app è disponibile solo per iPhone e non per l'iPad o l'iPod touch.

Nel tutorial offerto da Macworld UK, viene suggerito come installare WhatsApp Messenger sull'iPad o l'iPod touch. È un po' più laboriosa di una installazione standard, ma è ancora abbastanza semplice e non c'è bisogno di fare il jailbreak del vostro iPad o spendere soldi. Avete bisogno di un iPhone a un certo punto, però, per registrare l'applicazione.

Ecco come procedere:

Scaricare WhatsApp sul vostro Mac
Abbiamo bisogno del file per l'installazione dell'app, ma non si è autorizzati a installarlo direttamente sull'iPad (almeno, senza il unjailbroken).
Invece, faremo le cose alla vecchia maniera e lo installiamo sul nostro Mac (anche se questo potrebbe anche lavorare su un PC). Andare su iTunes Store e digitare WhatsApp nel campo di ricerca. Vedrete WhatsApp Messenger nell'elenco delle app per iPhone, ma non sotto iPad. Non preoccupatevi. Cliccate per scaricare la versione per iPhone (dove indica Gratis) e inserire la password. Non dovrebbe impiegare troppo tempo per scaricarsi.

Prendere il file .ipa
Abbiamo bisogno del file di installazione che utilizza il formato del file .ipa
Aprire il Finder e andare alla cartella di musica. Potreste essere in grado di scegliere semplicemente andando nella barra dei menu in alto. Quindi fare clic su iTunes, in cerca delle app mobile o quelle per iPhone/iPod (a seconda del vostro sistema operativo). Vedrete tutti i file .ipa che avete scaricato. Sciegliete il file di WhatsApp e trascinarlo sul vostro desktop.

Scaricare ed avviare l'app iFunbox
Collegate il vostro iPad o iPod touch al vostro Mac (o PC).
Abbiamo bisogno di un programma diverso da iTunes per gestire i file sul nostro iPad. Quello che stiamo usando in questo tutorial, iFunbox, è disponibile da www.i-funbox.com ed è gratuita.
Scaricate l'ultima versione di iFunbox per la vostra piattaforma preferita e avviarla.

Fare clic su installa l'app, navigate sulla vostra scrivania e fare clic sul file WhatsApp.ipa. Si installa rapidamente e l'icona di WhatsApp apparirà sul vostro schermo dell'iPad. Ma non ci siamo ancora del tutto. Se si fa clic sull'icona vedrete che non funziona ancora. Occorrono ancora alcuni passi.

Installare WhatsApp sul vostro iPhone
Per questa operazione è necessario un iPhone. Installare WhatsApp su questo iPhone in modo normale (deve essere una nuova installazione. Potrebbe essere necessario eliminare e reinstallare se già ci fosse WhatsApp). Avviarla e quindi registrare un numero di telefono, quello che si desidera utilizzare con WhatsApp sul vostro iPad. Dovrete confermare utilizzando un codice inviato al numero che si dà.

Ora scollegare l'iPad, collegare l'iPhone al Mac e tornare a iFunbox. Cliccate nelle app utente sotto la voce per l'iPhone, fare doppio clic sull'icona per WhatsApp e poi copiare le cartelle Libreria e Documenti sul tuo desktop. Queste conterranno i dati di registrazione.

Caricare i dati di registrazione sull'iPad
Siamo quasi alla fine​​. Scollegare l'iPhone, collegare l'iPad nuovamente e in iFunbox fare clic su Applicazioni utente per l'ingresso dell'iPad, e poi WhatsApp, come prima. Ora dobbiamo sostituire le cartelle Libreria e Documenti con quelli che sono stati messi sulla scrivanai, copiando così i dati di registrazione dell'iPhone sull'iPad.

Abbiamo finito!
Se avete seguito attentamente i vari passaggi siete arrivati alla fine. Potrebbe essere necessario chiudere WhatsApp sul vostro iPad e riavviarlo di nuovo se viene indicato che il dispositivo non è supportato.

Per celebrare il 30° anniversario del Mac di Venerdì scorso, il sito di riparazione iFixit ha pubblicato una guida teardown (disassemblaggio) per l'originale Macintosh 128k del 1984, utilizzando un modello prestato loro dal The Vintage Mac Museo di Adam Rosen. Pur non rivelando nulla sconosciuto in precedenza circa il modello, l'occasione ha permesso alla società di prendere nuove foto ad alta risoluzione delle parti interne e le specifiche di dettaglio di alcune parti, come i produttori dei componenti originali.

La società ha rilevato, inoltre, che l'originale con il prezzo di cartellino di 2.495 dollari nel 1984 sarebbe costato oggi 5.594 dollari, circa il prezzo del nuovo Mac Pro di medio livello. Il team di iFixit ha dato al Macintosh un punteggio di 7 su 10 per riparabilità, anche se avrebbe ottenuto un punteggio diverso alla sua uscita, a causa di particolari viterie T15 che richiedevano uno strumento speciale e componenti che potevano essere di difficile reperibilità per il tipico acquirente.

Il team di iFixit ha rilevato che vi era una forte possibilità di scosse elettriche di alta tensione dal display, se non adeguatamente scaricate prima dell'apertura, come pure osservare che l'originale Mac utilizzava la RAM saldata sulla scheda e aveva poco o nessun espandibilità interna, punti familiari invece per agli acquirenti dell'iMac di 21,5 pollici e le linee di MacBook Pro Retina di oggi.

Il teardown ha mostrato una scheda madre pulita, progettata e costruita su misura, un'altra tradizione ancora mantenuta, caratterizzato da un processore Motorola a 8 megahertz, 120KB di RAM, nessun sistema di archiviazione eccetto un drive floppy 400KB. L'originale Mac usava spinotti DE-9 per collegare la tastiera, le porte seriali per ingressi e uscite, e offriva un Display CRT 512x342 in bianco e nero di nove pollici. Inoltre veniva fornito con un mouse con un solo tasto (rivoluzionario, al momento, ma il concetto continua ancora oggi con i Magic Mouse e Magic Trackpad con l'uso di gesti o di rilevamento multi-touch per assegnare funzionalità diverse.

Allora, come ora, il concetto principale dietro il Macintosh era quello di "nascondere" la parte di calcolo della macchina per lo più dietro lo schermo e per farlo funzionare più silenziosamente possibile in modo che l'utente possa essere assorbito nel lavoro. Questa filosofia è ancora vista oggi nella maggior parte dei modelli di Mac, in particolare l'iMac.

Macworld Lab ha ottenuto una configurazione standard della serie Mac Pro, con un singolo processore Xeon 6-core a 3.5GHz, con 256 GB di memoria flash, 16 GB di RAM e doppia scheda grafica AMD D500.

Con una altezza di soli 25 cm. e un peso di 5 kg. inferiori, il design del nuovo Mac Pro, bello come può essere, ridefinisce completamente le macchine professionali di Apple. Viene fornito con la stessa quantità di memoria flash interna di un computer portatile e non ha slot PCI disponibili per schede di acquisizione video, schede RAID, o simili. Il nuovo Mac Pro è veramente destinata a essere configurato al momento dell'acquisto, con l'eventuale sistema di archiviazione o schede aggiunte esternamente attraverso le sei porte Thunderbolt 2 o quattro porte USB 3.0 aggiuntive. Il nuovo Mac Pro viene inoltre fornito con porte ethernet gigabit dual e reti wireless 802.11ac.

Macworld Lab: test effettuati da James Galbraith e Albert Filice

In termini di prestazioni generali, il Mac Pro 6-core è stato un impressionante 65% più veloce che dell'high-end precedente Mac Pro, il 12-core Mac Pro 2012 con due processori 6-core Intel Xeon a 2.4GHz. Il nuovo Mac Pro è stato più veloce in tutti i test tranne il test Cinebench CPU, che è stato del 10% più veloce sul sistema a 12-core. Il test di copiatura dei file è stato 4 volte più veloce nel nuovo Mac Pro con memoria flash che suul disco 7200 rpm del sistema a 12-core. Come ci si aspetterebbe, il Mac Pro 6-core standard non riusciva a tenere il passo con il nuovo Mac Pro 8-core in configurazione personalizzata, che è stato dell'8% più veloce nel complesso rispetto al Mac Pro 6-core standard. Molti test hanno mostrato meno del 5% di differenza tra i sistemi, tra cui Photoshop, iTunes, Aperture, copiare file, Zippare e Unzippare file e la suite PCMark di Office in esecuzione su una macchina virtuale di Parallels. Test della CPU hanno mostrato vantaggi nel Mac Pro 8-core personalizzato, con un punteggio migliore del 18% nel Cinebench CPU, Final Cut Pro è risultato il 17% più veloce nel rendering, e un punteggio MathematicaMark 41 per cento superiore.

Bottom line

"Il nuovo Mac Pro ridefinisce il sistema di più alto-livello di Apple. Mancando l'espansione interna che, una volta ha attirato avanzati hobbysti per la linea, il nuovo Mac Pro è davvero un computer di classe workstation progettato per ridurre i minuti e ore da progetti di video, audio e di programmazione pro eseguiti giorno dopo giorno".

Pro
- Impressionanti prestazioni multi-core
- Workstation di classe dual-GPU
- Storage interno veloce
- Un sacco di opzioni di espansione esterni
- Design compatto, elegante
- Silenzioso e relativamente fresco
- Molti componenti interni aggiornabili

Contro
- Le prestazioni single-core non sono sostanzialmente migliori (talvolta peggiori) di quello di altri Mac correnti
- Nessuna opzione di espansione interna, le configurazioni di fascia alta sono costose

Lo scorso mese di giugno Apple ha rivelato le caratteristiche della nuova workstation desktop professionale Mac Pro. Ora sono iniziate le prime consegne con un rapido esaurimento.
Riassumiamo caratteristiche e prestazioni, come vengono evidenziate sui test condotti da Apple nell’ottobre 2013 utilizzando Mac Pro di pre-produzione con processore 12-core a 2,7GHz, unità flash da 1TB e grafica AMD FirePro D700, e Mac Pro in produzione con processore 12-core a 3,06GHz, unità SSD da 512GB e grafica ATI Radeon HD 5870. Tutti i sistemi erano configurati con 64GB di RAM. Testati con OS X 10.9 pre-release e Final Cut Pro X pre-release. I test sono condotti utilizzando sistemi specifici e rispecchiano le prestazioni indicative di Mac Pro.

Lavora in 4K con precisione al pixel e a tutta velocità: con le due GPU AMD FirePro di classe workstation e i nuovissimi processori Xeon E5 hai a disposizione una squadra che ti permette di fare cose sbalorditive: puoi gestire contemporaneamente tre stream video a 4K, o un numero ben più alto di stream HD. E in più puoi usare fino a tre monitor 4K, elaborare effetti in tempo reale e perfino montare clip multicam in 4K. Mac Pro è la nuova superpotenza dell’editing.

Sei porte Thunderbolt 2 ridefiniscono radicalmente le possibilità di espansione: ora hai un throughput fino a 20 Gb/sec, senza i limiti imposti da un numero fisso di slot PCI Express. Collega la tua SAN o un veloce sistema di archiviazione RAID locale, poi aggiungi dispositivi I/O video, monitor broadcast, schede PCI Express che hai già, e qualunque altra periferica richiesta dal tuo flusso di lavoro.

Le due GPU AMD FirePro di classe workstation, di serie in ogni Mac Pro, forniscono fino a 12GB di memoria video con una larghezza di banda fino a 528 GB/sec: ideale per manipolare modelli complessi con geometrie e texture imponenti. Potrai lavorare a una velocità mai vista scendendo fin nei minimi dettagli, in modo fluidissimo. E Mac Pro sfrutta la specifica OpenGL 4.1 di OS X Mavericks permettendoti di usare anche funzioni come i tessellation shader.

Per rendering a velocità mozzafiato scegli i processori Intel Xeon E5 12-core, con una larghezza di banda della memoria fino a 60 GB/sec. In più, l’archiviazione flash PCIe e la memoria a 1866MHz danno una marcia in più a tutto quel che fai.Offerta Gran Risparmio

L’archiviazione flash PCIe ti consente di importare immagini di grandissime dimensioni fino a 4 volte più velocemente rispetto al precedente Mac Pro. E grazie ai potenti processori Intel Xeon E5, affiancati dalle GPU AMD FirePro, puoi ritoccare le tue foto e applicare filtri ed effetti sfrecciando veloce come il vento.

Thunderbolt ti offre una fulminea connessione a 20 GB/sec per usare dispositivi di archiviazione ultraveloci, dai dischi portatili fino agli array RAID ad alta capacità. Con le porte USB 3 colleghi fotocamere e media reader. E oggi hai un’opzione in più: puoi portare sul set il tuo MacBook Pro con display Retina, e a fine giornata trasferire il tuo lavoro sul Mac Pro collegando direttamente i due computer via Thunderbolt.


Con uno schermo 4K puoi disporre layout, pagine web, immagini e strumenti su un’area di lavoro grandissima. Visualizza due pagine A3 affiancate, e avrai ancora spazio per strumenti e altre finestre. Se hai diversi monitor di tipo tradizionale, per esempio due Apple Thunderbolt Display da 27", il potente supporto multidisplay in OS X Mavericks ti permette di lavorare con più app, e a tutto schermo. E Menu e Dock sono sempre a portata di mano, qualunque monitor tu stia usando.

Leggi tutto: Prestazioni della nuova workstation desktop Mac Pro di Apple