Blue Flower

Applicazioni

  • Rivalutazioni Istat

    Le applicazioni di questa categoria possono essere utilizzate per calcolare le rivalutazioni monetarie di affitti, assegni di mantenimento, contratti, pensioni ecc. che fanno uso dell'indice Istat FOI pubblicato dall'Istat.

  • Proprietà, Successioni

    Questa categoria ricomprende per lo più applicazioni che riguardano la proprietà in generale e quella immobiliare, in particolare, inclusa l'ipotesi di trasferimento del diritto per successione ereditaria.

  • Tassi e interessi

    In questa sezione sono presenti applicazioni che consentono di calcolare, su una determinata somma, alcune tipologie di interessi, come quelli legali, con possibilità di impostare un'eventuale capitalizzazione trimestrale, semestrale o annuale,

  • Investimenti finanziari

    Questa sezione è dedicata al settore finanziario, con particolare riguardo al calcolo del rendimento semplice lordo e netto dei BOT trimestrali, semestrali, annuali e di durata variabile, a confronto con il tasso di inflazione attuale,

  • Dichiarazione dei redditi

    Le applicazioni di questa categoria riguardano il settore del fisco, con particolare riguardo ai calcoli più ricorrenti nella compilazione dei modelli per la dichiarazione dei redditi.

Accesso Utenti

Chi è online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

Calcolo Acconto IRPEF

Applicazione per il calcolo dell’acconto IRPEF da versare nel 2021.
Per calcolare l’acconto Irpef secondo il metodo "storico" e le relative rate da versare inserisci il valore dell’Irpef Netta che risulta dalla dichiarazione dei redditi e clicca sul bottone [Calcola].
Per quanto riguarda il modello REDDITI inserisci il valore del rigo RN34 (DIFFERENZA).

 

NOTA: è possibile utilizzare l’applicazione anche per calcolare l’acconto Irpef secondo il metodo "previsionale"; in questo caso inserisci nello stesso campo l’importo dell’Irpef che prevedi di versare il prossimo anno.

 

Il campo "Prima rata già versata", se compilato, consente di calcolare la seconda rata dell’acconto Irpef come differenza tra l’acconto complessivo e quanto versato nella prima rata.
Attenzione: è necessario inserire l’importo della prima rata sempre al netto dell’eventuale maggiorazione.

 

Una volta effettuato il calcolo, i codici tributo da utilizzare per il versamento con il modello F24 sono visualizzati nella prima colonna sulla sinistra.
Se una scadenza cade di sabato o in un giorno festivo viene indicato il primo giorno lavorativo successivo.
Per ciascuna rata di acconto calcolata è disponibile inoltre il bottone per inserire la scadenza direttamente in Google Calendar.

 



Tutti i loghi e marchi nominati in questo sito sono dei legittimi proprietari. I commenti sono di chi li scrive, mentre tutto il resto è @ 2012-2020 di ILM Annunci